Pd di Pesaro aderisce alla manifestazione contro il “decreto Pillon”

In tante piazza d’Italia, sabato 10 novembre, sono state indette manifestazioni contro il Disegno di Legge 735 cosiddetto “decreto Pillon”, dal senatore leghista che lo ha presentato. “Invitiamo anche noi a scendere in piazza per dire No al “decreto Pillon” e alla riforma di separazione e affido”. Parole del segretario provinciale Pd Giovanni Gostoli, in corsa tra l’altro per la segreteria Pd Marche alle primarie del 2 dicembre, insieme alla segretaria dem di Pesaro Francesca Fraternali e la responsabile donne Pd provinciale Alessandra Khadem.

“Il decreto così come formulato - spiegano Khadem e Fraternali - è assolutamente inaccettabile e purtroppo rappresenta un enorme passo indietro rispetto alle conquiste fatte e all’evoluzione normativa registrata nel corso degli anni nel campo della separazione e del divorzio. Si favorirà innanzitutto il coniuge economicamente più forte. Il decreto, introducendo la figura del mediatore famigliare e di conseguenza la procedura della mediazione obbligatoria in presenza di figli minori, anche nei casi non conflittuali, renderà infatti le separazioni più onerose e complesse - precisano i Dem.

La procedura di mediazione, inoltre, potrebbe determinare difficoltà oggettive nel manifestare la volontà di separarsi per le donne che subiscono violenza domestica e che hanno timore e paura di interrompere l’unione coniugale a causa delle conseguenze che potrebbero subire. Altro punto controverso riguarda l’abolizione dell’assegno di mantenimento diretto. Tale inversione di rotta, presupponendo una parità economica tra i coniugi non tiene conto dei dati reali forniti dall’Istat. Non è un mistero infatti che in molti casi siano le donne a lasciare il lavoro per occuparsi della famiglia, che l’accesso al mondo del lavoro sia più complicato per una donna e che in Italia, purtroppo, non si è ancora raggiunta una parità reale per quanto riguarda i salari.

Di fondo si registrerà un’inversione di tendenza nelle separazioni rispetto all’impostazione attuale: dalla tutela della prole alla centralità degli aspetti puramente economici”, concludono Fraternali e Khadem.

La manifestazione si terrà a Pesaro, Piazzale Collenuccio dalle ore 17. In mattinata ad Ancona, piazza Roma, dalle 10

Casa del Popolo riqualificata, l'inaugurazione a Montegranaro

Venerdì 26 ottobre è il grande giorno del taglio del nastro ai locali di via Salvatori 15, a pochi passi da piazza Redi. La Fondazione XXV Aprile annuncia il trasferimento della propria sede dal centro storico al quartiere Montegranaro, dopo due anni di lavori di ristrutturazione, che andranno a beneficio anche della Federazione provinciale del Partito Democratico, che stabilirà la propria sede nello stesso edificio.

Per l’occasione sarà presente l’ex senatore Ugo Sposetti, presidente dell’Associazione “Enrico Berlinguer”, capofila delle fondazioni culturali democratiche, legate al panorama del centro-sinistra italiano.

Il programma prevede alle ore 17 i saluti di Carlo Niro, presidente della Fondazione XXV Aprile, insieme a Gastone Balestrini, presidente del Consiglio di Amministrazione della stessa Fondazione. Subito dopo interverrà il senatore Ugo Sposetti.

Saranno presenti all’inaugurazione dei locali il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il consigliere regionale Andrea Biancani e il segretario della Federazione provinciale PD Giovanni Gostoli.

Al termine verrà offerto un aperitivo a tutti i partecipanti.

Brevi note storiche

La Casa del Popolo di Montegranaro, ubicata in via Salvatori a Pesaro, è stata costruita tra il 1965 e il 1966, grazie all’impegno degli iscritti alla locale sezione P.C.I. e a numerosi volontari del quartiere. I lavori di ristrutturazione sono cominciati nel mese di luglio 2017, al fine di modernizzare i locali, in modo da renderli idonei ad ospitare gli uffici della Fondazione XXV Aprile e della Federazione provinciale del Partito Democratico. A piano terra, da gennaio 2018, è attivo un punto vendita Conad, e il nuovo bar Odeon.

Pd, oltre 130 persone a Roma. Gostoli: “E’ tempo di reagire”

Oltre 130 persone dalla provincia di Pesaro e Urbino insieme al Pd provinciale per la manifestazione nazionale di domenica 30 settembre a Roma voluta dal segretario nazionale Pd Maurizio Martina: “Scendiamo in piazza per costruire un’alternativa alla politica dell’odio, del declino, dell’isolamento e della paura. Scendiamo in piazza perché tante persone vogliono un Paese diverso: più giusto, più forte, più solidale, aperto al mondo e al futuro”.

Una ventina di giovani democratici under 25 della provincia di Pesaro e Urbino, guidati dal segretario provinciale dei Gd Giovanni Monaldi e dall’organizzatore Nicolò Occhialini, parteciperanno inoltre, alle 10.30 al Nazareno in via Sant’Andrea delle Fratte, a un incontro organizzato dal Partito democratico con tutte le associazioni giovanili dal titolo “Con la forza dei nostri sogni: i giovani e la politica”.

“Per l’Italia” è invece il titolo della manifestazione dem prevista alle ore 14 in Piazza del Popolo a Roma. Sarà possibile seguire l’evento anche in diretta streaming dal sito di Democratica.com oppure sulla pagina Facebook del Partito democratico.

“Il Pd c’è e ha tanta voglia di ripartire per costruire una nuova alternativa all’arroganza dei sovranisti. C'è in gioco il futuro del Paese, ma anche dell'Europa: c'è chi vuole distruggerla e chi come noi sogna gli Stati Uniti d'Europa. E’ tempo di reagire, di non stare alla finestra– afferma il segretario provinciale Pd Giovanni Gostoli – Nei primi cento giorni di governo "gialloverde" più inconcludenti della storia della Repubblica tutti gli indicatori rivendo al ribasso le stime della crescita economica del Paese e l’unica cosa che aumenta sono le domande di disoccupazione. Avevano promesso tanto e subito, dicevano di avere le coperture economiche per tutto. Invece adesso aumentano il debito dell’Italia. Il Paese giorno dopo giorno perde credibilità ed è più solo in Europa. A pagare non saranno le lobby o i burocrati, ma gli italiani – conclude Gostoli - Con la manovra il governo Lega-Cinquestelle sta mettendo la più grande ipoteca sul futuro dei giovani, non incentiva la crescita economica, espone al rischio i risparmi delle famiglie, servizi e le politiche pubbliche”

Tra i partecipanti della provincia ci saranno anche il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, l'on. Alessia Morani, Massimiliano Amadori e Luca Pieri, la consigliera comunale di Pesaro Alessandra Cecchini, i consiglieri comunali fanesi Alberto Bacchiocchi, Enrico Nicolelli e Sara Cucchiarini, Michele Chiarabillli di Fossombrone, le coordinatrici di zona Pd Monica Scaramucci (Urbino e Alto Metauro), Cinzia Scardacchi (Catria e Nerone), Alessandra Khadem (Medio Metauro) e Dimitri Tinti.

Festa Pesaro, è il grande giorno di Paolo Gentiloni

PESARO – I legami solidi non si interrompondo facilmente. Martedì 28 agosto a Festa Pesaro torna Paolo Gentiloni, già più volte a Pesaro negli anni passati, l’ultima delle quali in veste di premier nell’ambito della presentazione dei lavori della nuova scuola media di via Lamarmora (con annessa inaugurazione della piscina di via Togliatti). Gentiloni, intervistato alle ore 21 nell’area dibattiti di piazzale Collenuccio dal neo direttore del telegiornale di Rete 4 Gerardo Greco, ricostruirà il filo dell’esperienza governativa conclusa con il voto dello scorso 4 marzo, rilanciando l’azione del PD in vista di una nuova stagione politica. Alle ore 18, nell’area dibattiti, conversazione sui temi locali con Ivano Dionigi, pesarese ed ex rettore dell’Università di Bologna, insieme agli assessori Sara Mengucci, Giuliana Ceccarelli e Luca Bartolucci, intervistati da Alberto Pancrazi.

In caso di maltempo, tutte le iniziative politiche si svolgeranno nei locali di Palazzo Gradari, con ingresso da via Rossini.

In piazza del popolo musica e ballo con la Palazzi Band di Luciano Palazzi, specializzati in “balera sotto le stelle”: ormai un classico di Festa Pesaro, con garanzia di pubblico e divertimento. Inizio alle ore 21.15.

Piazza del Popolo vivrà anche di momenti ricreativi e di incontro. Innanzitutto, l’Area Bambini, che dalle ore 19 ospiterà i laboratori “L’Art Lab” di Ittico. Attività studiate per stimolare a giocare con la forza dell’immaginazione, insegnando i primi rudimenti di circo e giocoleria.

Poco distante, allo Spazio Partito, apertura dell’info point dalle ore 18, mentre alle 19.30 gli amministratori comunali PD (assessori, consiglieri comunali, rappresentanti dei quartieri) daranno vita a “Piazza Dem”, un momento quotidiano di ascolto, confronto e risposte ai cittadini.

Oggi saranno a disposizione della cittadinanza l’assessore alla Sostenibilità Franca Foronchi, affiancata dalle consigliere comunali Silvia Terenzi, Alessandra Cecchini, Cinzia Ceccarelli e al consigliere Gerardo Coraducci. Saranno a disposizione anche i presidenti dei Quartieri Luca Pandolfi (Montegranaro-Muraglia), Ugo Schiaratura (Pantano-Cinque Torri-Santa Veneranda) ed Enrico Siepi (Centro-Mare).

A fianco, sempre in piazza, sarà aperto lo stand di Legautonomie. Inoltre, dalle ore 20, tutti i giorni al Mercato delle Erbe, la classicissima Tombola.

Per i buongustai, aperti dalle ore 19.30 il ristorante con menu di carne completo a prezzi modici, e la piadineria con tutti i tipi di farciture. A fianco, il bar gestito dai Giovani Democratici.

Festa Pesaro è pensata all’insegna della mobilità sostenibile: tutti i giorni, dalle ore 20.30 alle 23.30, un bus navetta gratuito partirà, ogni 10 minuti, dal piazzale di San Decenzio, raggiungendo in brevissimo tempo piazza del Popolo.

Pagine